AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS DOMENICA 8 MARZO - Comune di San Prospero

archivio notizie - Comune di San Prospero

AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS DOMENICA 8 MARZO

 

CHIARIMENTI E DISPOSIZIONI IN MERITO AL DPCM DELL'8 MARZO (CLICCA QUI PER LEGGERE IL DECRETO)

 

Sulla base di quanto dichiarato dal Presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, al termine della videoconferenza con Governo, Protezione Civile e le altre Regioni italiane, si informa la cittadinanza che dall'8 Marzo al 3 Aprile:

- non esistono restrizioni per la mobilità dei lavoratori e delle merci, né all’interno del Comune né tra il nostro Comune e gli altri, così come non esiste fra le tutte province dell’Emilia-Romagna. Dunque, chi deve spostarsi per ragioni di lavoro, anche fra le province e all’interno di esse, lo può fare. E’ quindi garantito il diritto a lavorare per chi è in buona salute, non presenta sintomi né debba rispettare il periodo di quarantena/isolamento. Con l’avvertenza che si tratta sempre di spostamenti per ragioni di lavoro o di necessità.

- sono chiuse le biblioteche comunali;

- sono chiuse tutte le strutture sportive pubbliche e private;

- la scuola di musica funziona solo per le sole lezioni individuali (insegnante e allievo) nel rispetto della distanza di almeno un metro, evitando inoltre assembramenti degli accompagnatori nella sala di attesa;

- i gestori di centri estetici e parrucchiere possono proseguire la loro attività, avendo l'avvertenza di fissare gli appuntamenti per evitare assembramenti. Si suggerisce di verificare con il proprio consulente del lavoro ulteriori dettagli relativi alle precauzioni specifiche del proprio settore;

- è consentita l’attività di ristorazione e bar dalle ore 6.00 alle ore 18:00 ed è responsabilità del gestore far rispettare la distanza di almeno un metro tra le persone. Eventuali trasgressioni verranno documentate e porteranno al provvedimento di sospensione dell’attività.

- le attività artigianali quali, a titolo di esempio, pizzerie, gelaterie, rosticcerie e gastronomie che svolgono attività di asporto possono proseguire l'attività dopo le ore 18 per la consegna, ma senza tavolini e con accessi contingentati, cioè deve essere limitato il numero di persone in attesa. Si invita a prediligere la consegna a domicilio.

Si ricorda nuovamente di limitare gli spostamenti per le esigenze lavorative, le situazioni di necessità e motivi di salute.

MODULO DI AUTODICHIARAZIONE PER GLI SPOSTAMENTI

Il contrasto e il contenimento della diffusione del Coronavirus e la tutela della salute devono essere fondamentali e prioritari per tutti i cittadini.

Vi terremo aggiornati e vi raccomandiamo di fare riferimento soltanto ai canali ufficiali e istituzionali.

 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (15 valutazioni)